Un interessante studio del Centro di Lautenberg per l'immunologia generale e dei tumori a Gerusalemme è stato pubblicato sulla rivista Pharmacology & Pharmacy nel 2015. Lo studio esamina "L'efficacia della somministrazione di estratti di cannabinoidi isolati (una formula solo per il CBD) rispetto a estratti di piante intere (che contengono l'intera gamma del contenuto di cannabinoidi della pianta)".
Sono riusciti ad acquisire una varietà di cannabis ricca di CBD chiamata Avidekel da un produttore israeliano di cannabis medica. La pianta denominata "Clone 202", è stata utilizzata per estrarre l'olio ricco di CBD che consisteva del 17,9% di CBD. Questo è stato utilizzato sia per l'isolato di CBD che per i test di CBD a spettro completo. I test di isolamento del CBD hanno confermato che "una somministrazione di CBD a molecola singola ha generato una curva dose-risposta a forma di campana con una finestra terapeutica ristretta". Fondamentalmente, la dose che aiuta gli utenti è molto specifica e il tempo che dura non è molto lungo. Se fai troppo poco, ti manca la dose. Se fai troppo, ti manca la dose. La finestra di efficacia per un isolato è molto piccola. Non esattamente ideale per il mercato di massa e per rendere felici i clienti. Ma è stato osservato un diverso schema dose-risposta quando è stato somministrato l'estratto di clone 202. Invece di mostrare una curva a forma di campana, in cui un effetto terapeutico poteva essere ottenuto solo a una certa concentrazione di CBD puro, l'estratto ricco di CBD dell'intera pianta ha causato un'inibizione diretta, dose-dipendente del dolore e dell'infiammazione. L'estratto di clone ha fornito una chiara correlazione tra il dosaggio assunto e le risposte antinfiammatorie e anti-nocicettive; con risposte crescenti all'aumentare delle dosi. Ciò significa che la dose di CBD a spettro completo è probabilmente vantaggiosa per te anche se la dose non è assolutamente corretta. In effetti, nessuno sa esattamente quale sia la dose corretta in realtà, rendendo i consigli "inizia basso, vai piano" è molto rilevante. La conclusione dello studio è stata che l'intero estratto vegetale, che conteneva una grande percentuale di CBD ma conteneva anche tracce degli altri cannabinoidi, si è rivelato molto più efficace delle soluzioni a base di solo CBD per alleviare l'infiammazione e la sensazione di dolore.

Il CBD a spettro completo (estratto di pianta intera, o distillato come viene talvolta chiamato) è una raccolta attentamente estratta delle proprietà terapeutiche della pianta di cannabis. Sono inclusi in questi composti estratti i terpeni. Questi terpeni sono noti per offrire i loro benefici per la salute! Per esempio; Linalool (trovato nella lavanda) ha forti proprietà antinfiammatorie, il limonene (presente nei limoni) aiuta la digestione e il pinene (presente negli alberi di pino) allevia il dolore ed è un antiossidante. L'estratto di CBD a spettro completo contiene anche una quantità molto bassa di cannabinoide più importante e psicoattivo della pianta di cannabis, il THC, di solito intorno allo 0,2%. Questa minuscola quantità di THC si comporta come un clic non rilevabile di un interruttore nel cervello. Imita l'azione dell'anandamide (un neurotrasmettitore prodotto naturalmente nel corpo umano) legandosi ai recettori CB1 nel sistema endocannabinoide. Poiché "si aggrappano" e rafforzano gli endocannabinoidi del tuo corpo, molte persone segnalano di provare una minore intensità complessiva del dolore.
Ciò rende il CBD a spettro completo ancora più potente! Quando tutti questi componenti si uniscono; CBD, THC e terpeni producono ciò che è noto come effetto entourage; Un'amicizia simbiotica tra CBD e terpeni che ha dimostrato di aumentare le proprietà curative di ciascuno. Quindi, come puoi dire, c'è molto più valore negli estratti di CBD a spettro completo. L'isolato di CBD può essere più puro, tuttavia l'assenza dell'effetto entourage rende l'isolato di CBD meno potente in confronto.

Il modo migliore per esaminare l'isolato di CBD è considerarlo semplicemente "CBD isolato". È estratto dalla pianta di cannabis ed è generalmente puro al 99,8-99,9%. Non contiene altri elementi della pianta di cannabis.
Nessun gusto.
Nessun odore.
Nessun THC, quindi non ha effetti psicoattivi.

Al di là di quelli che possano essere le convinzioni etiche e dogmatiche circa l’uso della cannabis a scopo terapeutico, è assolutamente provato che l’olio di CBD è realmente efficace per curare la Restless Legs Syndrome. I test hanno dimostrato che i pazienti che si curano con CBD mostrano un impulso minore nelle contrazioni involontarie, con vantaggi evidenti sulla qualità del sonno. Che il prodotto sia assunto per via orale o attraverso una crema per le gambe non fa differenza: il CBD offre benefici in qualsiasi caso. Si tratta inoltre di un trattamento economicamente sostenibile: i prodotti a base di cannabinoidi hanno prezzi inferiori rispetto a quelli dei farmaci tradizionali.

Chiudiamo ricordandoci che la Restless Legs Syndrome non sempre ha bisogno di cure. Se si tratta di una forma lieve, infatti, basta seguire una dieta bilanciata e perdere l’eventuale peso in eccesso per condurre una vita normale.

In Gran Bretagna, l’effetto del CBD sull’ansia condizionata è stato testato in uno studio dettagliato1. Nello studio in doppio cieco con 47 volontari, è stato costruito e poi ridotto uno stimolo di ansia. I partecipanti a cui hanno dato il CBD hanno avuto una curva di tendenza positiva più ampia nel diminuire l’ansia. Questi risultati forniscono la prima prova che il CBD migliora il consolidamento dell’apprendimento delle patologie negli esseri umani e suggeriscono che il CBD abbia un potenziale come un ulteriore aiuto alle terapie basate sulla riduzione dei disturbi d’ansia.

Sulla base di precedenti studi su animali2, alcuni studi sull’uomo hanno iniziato a fornire la prova che il CBD può alleviare vari disturbi d’ansia comunemente riportati. Questi includono ansia, fobia sociale e stress acuto.

Alcuni scienziati brasiliani hanno condotto uno studio su pazienti indotti da ansia sociale generalizzata. Sono stati incaricati di eseguire un test di simulazione basato sul  parlare in pubblico. I partecipanti hanno riportato livelli di ansia decisamente minori.  I partecipanti hanno riportato una sostanziale diminuzione dell’ansia sociale dopo il consumo di CBD. I ricercatori hanno convalidato i rapporti soggettivi dei pazienti conducendo scansioni cerebrali che indicano modelli di flusso sanguigno cerebrale uniforme con un effetto anti-ansia3. Si è inoltre concluso che il CBD ha ridotto significativamente il deterioramento cognitivo, l’ansia e il disagio e i senso di panico nelle prestazioni linguistiche.

L’ansia eccessiva  colpisce quasi 3 milioni di persone in Italia e questo dato tende ad aumentare. 

Lo stress non è certo una condizione desiderabile, ma ha una sua funzione all’interno del nostro corpo: funge da campanello di allarme in alcune situazioni dove ci mette in guardia , ci avverte che dovremmo reagire a una determinata situazione. È una risposta adattiva naturale. Lo stress come campanello d’allarme dovrebbe far sì che le persone migliorino la loro situazione (migliorare le relazioni, pagare le bollette, lavorare di più e così via). Alcune volte, queste risposte a eventi critici diventano sproporzionate rispetto agli eventi o comunque divengono ingestibili e il soggetto si sente sopraffatto da una sensazione che si trasforma poi, in vera e propria ansia.

L’ansia può essere causa di attacchi di panico, stati emotivi alterati tra cui anche casi di depressione. Il trattamento di questa patologia tramite l’assunzione di CBD Cannabidiolo) sembra avere effetti positivi su alcuni suoi sintomi.

Il cannabidiolo è uno dei molti cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis o canapa e va ad agire sul nostro sistema Endocannabinoide, attivando i recettori cb1 e cb2 che, tra le altre cose, possono influire proprio sull’umore, apportando diversi benefici per contrastare lo stato di ansia.

Il CBD si è già dimostrato efficace nel trattamento di altre malattie disturbi. Risulta estremamente efficace, ad esempio, nel controllare le crisi epilettiche, ridurre l’infiammazione, e diminuire il dolore cronico. Inoltre il CBD risulta estremamente utile nel ridurre gli effetti ed i sintomi, come la nausea, derivanti dalla chemioterapia nei pazienti oncologici.

Uno dei motivi principali per cui il CBD risulta efficace come trattamento per la dipendenza è perché non è psicoattivo. Ciò significa che a differenza del THC (tetraidrocannabinolo), la componente stupefacente e psicotropa della marijuana, il CBD offre i suoi benefici medico-terapeutici senza effetti euforizzanti. È interessante notare inoltre che il CBD neutralizza gli effetti psicoattivi del THC. Come specificato in precedenza, il CBD lavora modificando i percorsi neurali nel cervello di un tossicodipendente per ridurre il desiderio e i sintomi di astinenza. Ciò significa che i tossicodipendenti sottoposti al trattamento a base di CBD hanno minori rischi di ricaduta.

In alcuni studi condotti da ricercatori tedeschi, è stato osservato come i prodotti chimici attivi nel CBD aumentano la trasmissione dei recettori della serotonina nel nostro cervello, compresi i recettori 5-HT1A. Riducendo l’assorbimento della serotonina, il cervello comunica segnali positivi per aiutare ad alleviare i sintomi della depressione.

Inoltre, alcuni studi clinici dimostrano che il CBD può stimolare la crescita dell’ippocampo, innescando così la creazione di nuovi neuroni. Questa condizione, nota anche come neurogenesi, può essere un metodo efficace per ridurre i sintomi di ansia e depressione.

Il CBD sembra essere molto efficace nell’affrontare i comportamenti che derivano dall’autismo. Il cannabidiolo tende a normalizzare alcuni dei comportamenti causati del DSA grazie al suo potenziale calmante. Infatti, svolge un ruolo essenziale nel migliorare la funzione cerebrale repressiva aumentando il livello dei neuroni, che bilanciano il livello di inibizione nel cervello. Quindi, il ripristino di questo tipo di equilibrio grazie al CBD tende a ridurre le crisi e a lavorare positivamente sul comportamento sociale. Questo rende il CBD una soluzione perfetta ai disturbi causati dall’autismo.

I muscoli possono diventare dolorosi per diversi motivi. A volte, è puramente meccanico, sono sollecitati a causa dell’uso eccessivo o sono spinti all’estremo. Tuttavia, un muscolo è anche suscettibile a disturbi psicologici come lo stress. I miorilassanti tradizionali rientrano in due categorie: i bloccanti neuromuscolari e gli spasmolitici, che funzionano entrambi in modi leggermente diversi ma estremamente complicati e non necessariamente alleviano la tensione muscolare. Gli antidolorifici tradizionali non sono miorilassanti naturali e possono avere effetti collaterali dannosi come i danni al fegato. Gli effetti collaterali più comuni sono la sonnolenza, la debolezza e la stanchezza.

Gli spasmolitici  rilassanti sono particolarmente pericolosi, perché sono usati come anestetico per le operazioni e possono avere effetti dannosi per le persone anziane, poiché influiscono anche sulla frequenza cardiaca. C’è anche il pericolo di dipendenza, poiché questo farmaco fa parte del gruppo degli oppioidi. L’olio CBD non ha mostrato alcun caso di dipendenza1. Infatti, la ricerca ha concluso che il CBD Oil, termine inglese per olio di CBD, può anzi, effettivamente aiutare a combattere le dipendenze2.
Come già detto, il forte legame tra il sistema endocannabinoide e il CBD è il segreto della sua efficacia nel trattamento del dolore muscolare. Il modo per calmare in modo naturale i muscoli che si contraggono eccessivamente è attraverso un sufficiente apporto di endocannabinoidi3.

L’olio CBD ha la capacità di influenzare direttamente la velocità dei messaggeri chimici rilasciati quando si verifica il dolore. Inoltre, aumenta significativamente l’apporto di endocannabinoidi all’organismo. Pertanto, il cannabidiolo  tratta il dolore muscolare aiutando il rilassamento muscolare e riducendo la spasticità.

L’alopecia è una malattia autoimmune, vale la pena comprendere i fattori alla base del disturbo. Le condizioni autoimmuni sono spesso legate allo stress e all’ansia, con riacutizzazioni che si verificano spesso in momenti emotivi difficili. Sembra, purtroppo, che l’ansia e la caduta dei capelli vadano di pari passo. Fortunatamente, il CBD per l’alopecia indotta da stress è un trattamento a cui molte persone si rivolgono e con un certo successo. Gli studi dimostrano che l’uso di olio di CBD può davvero migliorare i risultati per coloro che soffrono di ansia e disturbi legati allo stress7,8. L’olio di CBD è noto per  le sue proprietà terapeutiche contro ansia e stress, quindi è ovvio che potrebbe aiutare quando si tratta della perdita di capelli legata a fattori di stress9, infatti potrebbe aiutare   il corpo a ritornare a rilassarsi e farlo lavorare nuovamente bene anche focalizzandosi anche su altre  funzioni, come mantenere una crescita sana dei capelli. Vale anche la pena notare che l’olio di CBD può ridurre l’infiammazione10 dato che l’alopecia è causata da un sistema immunitario infiammato, è facile vedere come il CBD possa aiutare chi soffre di questa condizione. A seguito di questi risultati, è naturale supporre che l’olio di CBD possa essere una soluzione adatta per la caduta dei capelli o l’alopecia indotta da stress.

Come per qualsiasi altra medicina, il CBD ha alcuni effetti collaterali di cui dobbiamo essere consapevoli 8. I pazienti potrebbero sperimentare sintomi come:

- Sonnolenza
- Bassa pressione sanguigna
- Secchezza della bocca

Tutte queste condizioni si verificano dopo il primo utilizzo dell’olio di CBD, e alcune di esse sono associate ad altre patologie . Se siete soggetti ad altre malattie, è sempre bene consultare il medico prima di usare l’olio di CBD.

Già negli anni ’70, i ricercatori sono giunti alla conclusione 1 che il cannabidiolo aveva proprietà anticonvulsivanti. Gli anticonvulsivanti (chiamati anche antiepilettici) sono usati contro le crisi epilettiche. Circa un terzo dei pazienti epilettici ha una forma cosiddetta resistente al trattamento. Uno studio2 pubblicato nel 2013 sulla rivista “Epilepsy & Behavior” ha esaminato gli effetti della cannabis medica arricchita con CBD nei bambini affetti da epilessia resistente al trattamento. Su 19 partecipanti, 13 avevano la sindrome di Dravet, 4 la sindrome di Doose e un bambino soffriva della sindrome di Lennox-Gastaut e dell’epilessia idiopatica. Di conseguenza, 16 dei 19 partecipanti (84%) hanno riferito una diminuzione delle crisi epilettiche, due delle quali erano addirittura prive di convulsioni. Gli effetti collaterali positivi sono stati un miglioramento dell’umore e del sonno. In particolare la qualità del sonno con i pazienti con sindrome di Doose potrebbe essere positivamente influenzata del CBD. Un altro studio suggerisce anche il CBD come trattamento del russamento notturno nei bambini e nei giovani adulti affetti da epilessia

Uno studio del 2005 di Hollinrake ha rivelato che le donne con PCOS hanno maggiori probabilità di sviluppare stress e depressione. Le pazienti che usano il CBD non solo si sentiranno più tranquille, ma anche raccoglieranno molto dal suo effetto antistress. Aiuta i pazienti ad affrontare i sintomi altrimenti dolorosi e fastidiosi. Il fatto che il CBD ha tutto ciò che serve per aiutare il sistema a funzionare senza problemi significa che può ripristinare l’equilibrio ormonale. Il risultato finale è una diminuzione dell’irregolarità mestruale e un corrispondente aumento della probabilità di concepimento. Il cannabidiolo riduce anche i grassi corporei e sono quindi efficaci nel controllo del peso, uno dei fattori di rischio per lo sviluppo di PCOS. La caratteristica riduzione del dolore, quando si utilizza il CBD, allevia l’agonia dei pazienti.

Proprietà anti-infiammatorie/sollievo dal dolore:

Il cannabidiolo (CBD) è un antinfiammatorio e ha proprietà antidolorifiche. Ci sono prove che i CBD glicinergici sono forti agenti terapeutici che possono essere usati per trattare il dolore neuropatico e infiammatorio. Sono, quindi, in grado di attenuare il dolore compulsivo senza causare una significativa tolleranza analgesica ed effetti collaterali psicoattivi. Il cannabidiolo possiede anche proprietà ansiolitiche e quindi viene solitamente somministrato a pazienti con disturbi d’ansia. Queste proprietà rendono il CBD ideale per il trattamento dei sintomi del PCOS, soprattutto per il sonno e i problemi di ansia.

Mantiene un ECS ( sistema endocannabinoide) sano:

ECS (sistema endocannabinoide) è un meccanismo di segnalazione che mantiene l’omeostasi nel corpo. È composto da endocannabinoidi e due recettori dei cannabinoidi il cui ruolo è quello di bilanciare tutti i processi, compresa la riproduzione. La ricerca ha dimostrato che il malfunzionamento dell’ECS causa il PCOS in alcune donne. Il cannabinoide condivide lo stesso composto chimico con gli endocannabinoidi, quindi aiuta a mantenere il sistema in funzione senza intoppi. Quindi, l’integrazione con il CBD ha un effetto diretto sui pazienti con PCOS; aiuta il processo di trattamento.

I trattamenti tradizionali contro l’emicrania sono antidolorifici, antiemetici (per fermare la nausea) e triptani (sostanze a base di triptamine, efficaci nel trattamento del singolo attacco doloroso, ma né preventivi né curativi). Stando agli studi, tuttavia, uno dei trattamenti più efficaci è rappresentato dal CBD. Il cannabidiolo è una sostanza estratta dalla pianta di cannabis e possiede naturalmente fortissime proprietà antidolorifiche.

Le emicranie partono in genere in una parte del cervello chiamata ipotalamo. L’emicrania può essere attivata dal nostro organismo in risposta a stress estremo. A prescindere dalla causa, la maggior parte delle persone che soffrono di emicrania hanno livelli piuttosto squilibrati del neurotrasmettitore serotonina.

Livelli bassi di serotonina possono causare una dilatazione dei vasi sanguigni con conseguente aumento degli episodi di emicrania. La cannabis è risultata efficace nell’aumentare i livelli di serotonina e diminuire quindi il rischio di un attacco. Maggiore concentrazione di serotonina significa quindi minore emicranie.

A seconda del problema da trattare, ci sono vari modi per usare il CBD. Per migliorare la qualità della pelle, esistono creme e oli per uso topico che possono essere applicati direttamente sull’epidermide. Per la stabilizzazione del sonno e dell’umore, ci sono liquidi al CBD adatti allo “svapo” (vaporizzazione tramite sigaretta elettrica) che possono essere vaporizzati (svapati)  in modo da entrare nel flusso sanguigno rapidamente. Ma i più utilizzati sono gli oli di CBD da assumere per via sublinguale.  Per chi non gradisse il sapore forte della canapa, la soluzione ideale potrebbero essere le caspule in softegel.  La metodologia di assunzione del CBD dipende dall’effetto desiderato.

Il CBD testato clinicamente non ha mostrato alcun effetto collaterale dannoso. Ha un grande potenziale nel trattamento della menopausa grazie alla sua capacità di trattare contemporaneamente diversi sintomi negativi associati alla menopausa. I trattamenti utilizzati fino ad ora sembrano non essere in grado di gestire tutti i sintomi senza avere un impatto negativo sulle finanze e soprattutto sulla qualità della vita. I reni e il fegato possono soffrire molto a causa dell’assunzione di un grande numero di farmaci.

Inoltre molti dei trattamenti tradizionali sembrano essere inefficaci. La terapia ormonale sostitutiva (HRT) è un’opzione che comporta però effetti collaterali gravi quali l’aumento del rischio di incidenza dell’Alzheimer, dei tumori (inclusi quello al seno), delle malattie cardiache, dei calcoli biliari e molto altro. Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), utilizzati a lungo termine, presentano anch’essi effetti collaterali gravi. Il CBD può essere usato per integrare o sostituire i trattamenti tradizionali con risultati migliori.

Anni ed anni di ricerche hanno dimostrato inconfutabilmente che la cannabis possiede proprietà terapeutiche1. Per questo motivo anche i veterinari si sono dimostrati interessati e propensi ad utilizzare l’olio di CBD per cani e gatti visto che entrambi possiedono un sistema endocannabinoide capace di processare il cannabidiolo.

Così come per gli esseri umani, anche per gli animali esistono diverse formulazioni di CBD per curare diversi disturbi. Il CBD è il modo più naturale per trattare l’epilessia o l’artrite che affligge i nostri amici a quattro zampe. I benefici che si possono ottenere dal consumo di questa sostanza sono ampiamente maggiori ai rischi e per questo si tratta di una sostanza sicura e di una soluzione efficiente.

Vediamo quindi come nostri amici a quattro zampe possono beneficiare di questo straordinario composto della pianta di canapa.

È molto importante sottolineare che l’olio di CBD non è assolutamente psicotropo o stupefacente. Il che significa che i vostri cuccioli non possono in alcun modo essere assuefatti da questa sostanza. Questo è forse il più grande vantaggio dell’olio di CBD: apporta tutti i benefici della pianta senza gli effetti stupefacenti tipici della marijuana.

Ora che abbiamo chiarito che cosa sia l’olio di CBD, vediamo in che modo gli animali domestici possono trarne vantaggio.

Open chat